00_Escher_Houses_in_PositanoIL Divino Maniero è una costruzione risalente al XVI secolo e per tipologia abitativa rispecchia la tipica casa della costa d’Amalfi, raffigurata da Escher nella sua litografia del 1937 «Case di Positano». Si tratta di una dimora costruita sulla roccia costituita da più elementi modulari a pianta pressoché quadrata, ogni modulo assimilabile ad un parallelepipedo è coperto dalla caratteristica volta a padiglione, rispetto alle case contadine la peculiarità di questa dimora è che i vari locali sono tra loro collegati da una scala interna;i locali al piano terra erano destinati alle attività produttive come stalle, pollai, fienili, depositi d’attrezzi, cucina con forno per la panificazione mentre al piano superiore vi erano le camere da letto. Lo spessore delle murature perimetrali erano e sono tuttora notevoli e superano tutte le moderne risorse per proteggersi dal rigore dell’inverno e dalla calura estiva.I moduli racchiudevano uno spazio (oggi la bellissima Terrazza San Michele) all’interno del quale si svolgeva la vita contadina e che costituiva il prolungamento del focolare domestico. L’orto e la cisterna per la raccolta dell’acqua piovana rendevano la casa autosufficiente.

2015-08-26 18.27.18

Il Divino Maniero si distingue inoltre per un insolita fortificazione fatta da feritoie e torrino di avvistamento che insieme alla posizione dominante di cui gode rispetto alla costa lo rendeva inespugnabile alle incursioni di invasori. La dimora è stata per decenni abbandonata le ultime famiglie avevano vissuto qui nel 1960 e da quel momento la casa era caduta in rovina. Gli attuali proprietari, amanti della Costiera, per caso vi si sono imbattuti nel 2006 e quantunque essa fosse solo un rudere è sbocciato immediatamente l’amore.

Oggi i proprietari, dopo nove anni di lavori, aprono le porte del Divino Maniero non solo per suggestivi soggiorni,ma anche per visite guidate alla scoperta di magnifici itinerari sulla costiera amalfitana.